Condizioni generali di vendita

1.    Premessa

1.1    Le presenti Condizioni Generali, salvo eventuali deroghe specificatamente concordate per iscritto, disciplinano tutti gli attuali e futuri contratti di vendita tra Pogliano Bus Bar (in seguito “il Venditore”) e il compratore (in seguito “il Compratore”). Eventuali condizioni generali del Compratore non troveranno applicazione se non espressamente accettate per iscritto.

1.2    Il contratto di vendita è disciplinato dalla Convenzione delle Nazioni Unite sulla vendita internazionale di merci (Vienna 1980) e, per le questioni non coperte da tale convenzione, dalla legge italiana.

1.3    Qualsiasi riferimento a termini commerciali (come EXW, FCA, FOB, CIP ecc.) è da intendersi come richiamo agli Incoterms della Camera di Commercio Internazionale, nel testo in vigore alla data di stipulazione del contratto.

2.    Caratteristiche dei prodotti

2.1    Tutte le informazioni e i dati contenuti nei cataloghi, nei listini prezzi, o in altri documenti illustrativi del Venditore, così come le caratteristiche di campioni da quest’ultimo inviati al Compratore non hanno valore impegnativo se non nella misura in cui siano stati espressamente menzionati come vincolanti nell’offerta o nell’accettazione scritta del Venditore.

2.2    Il Venditore garantisce la conformità dei Prodotti alle prescrizioni tecniche vigenti in Italia. Eventuali requisiti richiesti nel paese di destinazione potranno essere presi in considerazione solo su previa richiesta scritta del Compratore, che dovrà precisare il contenuto delle prescrizioni da osservare.

2.3    Il Venditore si riserva il diritto di modificare in ogni momento senza preavviso le caratteristiche tecniche dei Prodotti, nella misura in cui tali modifiche non ne pregiudichino le prestazioni.

3.    Termini di consegna

3.1    I termini di consegna eventualmente concordati dalle parti hanno natura meramente indicativa.

3.2    Salvo il caso di dolo o colpa grave del Venditore, è espressamente escluso qualsiasi ulteriore risarcimento del danno per mancata o ritardata consegna dei Prodotti.

4.    Resa e spedizione – Reclami

4.1    Salvo patto contrario, la fornitura della merce s’intende Franco Vettore (FCA), stabilimento del Venditore, e ciò anche quando sia convenuto che la spedizione o parte di essa venga curata dal Venditore.

4.2    In ogni modo, quali che siano i termini di resa pattuiti dalle parti, si conviene espressamente che la consegna avviene con la consegna dei prodotti al primo trasportatore presso lo stabilimento del Venditore. I rischi passano al Compratore al più tardi con la consegna al primo trasportatore.

4.3    Eventuali reclami relativi allo stato dell’imballo, quantità, numero o caratteristiche esteriori dei Prodotti (vizi apparenti), dovranno essere notificati al Venditore mediante lettera raccomandata RR, entro 8 giorni dalla data di ricevimento dei Prodotti; in assenza di tale notificazione, il Compratore decadrà dal diritto di contestare i vizi sopra indicati.
Eventuali reclami relativi a difetti non individuabili mediante un diligente controllo al momento del ricevimento (vizi occulti) dovranno essere notificati al Venditore mediante lettera raccomandata RR, entro 20 giorni dalla data della scoperta del difetto e comunque non oltre tre mesi dalla consegna; in assenza di tale notificazione, il Compratore decadrà dal diritto di contestare i vizi sopra indicati.

4.4    Qualsiasi reclamo di cui all’art. 4.3 deve specificare per iscritto le ragioni del reclamo ed i Prodotti cui si riferisce. Ove il Compratore faccia valere dei difetti dei Prodotti, egli deve inviare al Venditore – quando notifica il reclamo – campioni dei Prodotti difettosi nella misura necessaria per consentire di verificare il difetto, salvo diverso accordo scritto.

4.5    E’ inteso che eventuali reclami o contestazioni non danno diritto al Compratore di sospendere o comunque ritardare i pagamenti dei Prodotti oggetto di contestazione, né, tanto meno, di altre forniture.

5.    Riserva di proprietà

E’ convenuto che i Prodotti consegnati restano di proprietà del Venditore fino a quando non sia pervenuto a quest’ultimo il completo pagamento.

6.    Prezzi

Salvo patto contrario, il prezzo dei Prodotti sarà quello del listino del Venditore in vigore al momento del ricevimento dell’ordine. Il prezzo si intende per resa Franco Vettore (FCA) compreso imballaggio normale, essendo inteso che qualsiasi altra spesa o onere sarà a carico del Compratore. I prezzi si intendono al netto dell’IVA, di eventuali imposte o tasse, nonché di tributi, diritti ed oneri fiscali o di qualsiasi specie eventualmente gravanti sul Contratto.

7.    Condizioni di pagamento

7.1    Il pagamento dovrà essere effettuato alle condizioni (termine, valuta) pattuite. Il pagamento si considera effettuato quando la somma entra nella disponibilità del Venditore presso la sua banca in Italia. Salvo diverso accordo, eventuali spese o commissioni bancarie dovute in relazione al pagamento saranno a carico del Compratore.

7.2    In caso di ritardo di pagamento rispetto alla data pattuita, il Compratore sarà tenuto a corrispondere al Venditore un interesse di mora pari al tasso d’interesse del principale strumento di rifinanziamento della Banca centrale europea, più otto punti percentuali, conformemente all’art. 2 del decreto legisl. n. 231 del 9 ottobre 2002 e successive modifiche. ù

7.3    L’eventuale ritardo di pagamento superiore a 30 gg. dalla data indicata in fattura darà al Venditore il diritto di risolvere il contratto, con facoltà di trattenere la parte di prezzo pagata e di pretendere la restituzione dei prodotti forniti, a cura e spese del Compratore, oltre il risarcimento dell’eventuale danno.

7.4    Qualora il Venditore abbia motivo di temere che il Compratore non possa o non intenda pagare i Prodotti alla data pattuita, egli potrà subordinare la consegna dei Prodotti alla prestazione di adeguate garanzie di pagamento (ad es. fideiussione o garanzia bancaria). Inoltre, in caso di ritardi di pagamento, il Venditore potrà modificare unilateralmente i termini di pagamento di eventuali altre forniture e/o sospenderne l’esecuzione fino all’ottenimento di adeguate garanzie di pagamento.

7.5    Ove il Compratore rifiuti la fornitura dei prodotti (cosiddetta revoca dell’ordine), il Venditore avrà il diritto di risolvere il contratto di vendita e di ritenere, a titolo di penale, eventuali acconti ricevuti, salvo il diritto di ottenere il rimborso di eventuali ulteriori danni subiti. Ove non sia stato versato un anticipo, il Venditore avrà diritto ad una penale del 30% del prezzo contrattuale, salvo eventuali maggiori danni.

8.    Garanzia per vizi

8.1    Il Venditore si impegna a porre rimedio a qualsiasi difetto di conformità dei Prodotti a lui imputabile, verificatosi entro dodici mesi dalla consegna dei Prodotti, purché lo stesso gli sia stato notificato tempestivamente in conformità all’art. 4.3.

8.2    Qualora venga accertata la sussistenza dei difetti e la loro imputabilità al Venditore, egli  dovrà sostituire i Prodotti risultati difettosi. I Prodotti sostituiti in garanzia saranno soggetti alla medesima garanzia per un periodo di sei mesi a partire dalla data della riparazione.

8.3    Salvo il caso di dolo o colpa grave del Venditore, quest’ultimo sarà tenuto, in caso di difetto di conformità dei Prodotti, unicamente alla fornitura di Prodotti sostituitivi come previsto dall’art. 8.2. E’ inteso che la suddetta garanzia è assorbente e sostitutiva delle garanzie o responsabilità previste per legge, ed esclude ogni altra responsabilità del Venditore (sia contrattuale che extracontrattuale) comunque originata dai Prodotti forniti (ad es. risarcimento del danno, mancato guadagno, rimozione dei Prodotti difettosi, ecc.).

8.4    Il Venditore garantisce la rispondenza dei Prodotti alla norma europea EN 61-439-6 mentre non garantisce la loro idoneità ad usi particolari se non nella misura in cui tali caratteristiche siano state espressamente convenute nel contratto o in documenti richiamati a tal fine dal contratto stesso.

8.5    Le garanzie di cui sopra non si applicano ove i Prodotti non siano stati trasportati o immagazzinati conformemente alle condizioni richieste per prodotti di questo tipo ovvero in caso di non corretta installazione o manutenzione.

9.    Forza maggiore

9.1    Ciascuna parte potrà sospendere l’esecuzione dei suoi obblighi contrattuali quando tale esecuzione sia resa impossibile o irragionevolmente onerosa da un impedimento imprevedibile indipendente dalla sua volontà quale ad es. sciopero, boicottaggio, serrata, incendio, guerra (dichiarata o non), guerra civile, sommosse e rivoluzioni, requisizioni, embargo, interruzioni di energia, ritardi nella consegna di componenti o materie prime.

9.2    La parte che desidera avvalersi della presente clausola dovrà comunicare immediatamente per iscritto all’altra parte il verificarsi e la cessazione delle circostanze di forza maggiore.

9.3    Qualora la sospensione dovuta a forza maggiore duri più di sei settimane, ciascuna parte avrà il diritto di risolvere il presente contratto, con un preavviso di 10 giorni, da comunicarsi alla controparte per iscritto.

10.    Foro Competente – Arbitrato

10.1    Qualora il Compratore risieda nell’Unione Europea, Islanda, Norvegia e Svizzera, sarà esclusivamente competente il Foro di Torino (Italia) per qualsiasi controversia derivante dal contratto di vendita o collegata allo stesso.

10.2    Fuori dei casi di cui all’art. 10.1, tutte le controversie derivanti dal contratto di vendita o in relazione ad esso saranno risolte in via definitiva secondo il Regolamento d’arbitrato della Camera Arbitrale di Milano da uno o più arbitri nominati in conformità di detto Regolamento.